La “lente” del MEF sull’Odontoiatria. Parte 2^: il “fatturato” dei dentisti italiani

IMMAGINE PER DATI MEF 2

Di Paolo Bortolini *

In questa seconda parte del mio contributo alla interpretazione di questi dati MEF, mostro una elaborazione riferita al TOTALE DEGLI INCASSI E DEI RICAVI NAZIONALI dichiarati dalle tre forme giuridiche con cui viene esercitata l’attività degli studi odontoiatrici.

Da 13 anni nel sito del MEF (Ministero dell’economia), si pubblica annualmente una sintesi dei dati che ricava dalle dichiarazioni dei redditi cui sono abbinati gli “studi di settore”. Per quanto riguarda l’Odontoiatria, si tratta delle dichiarazioni cui è abbinato lo studio di settore per l’attività 86.23.00. Tali dati sono suddivisi fra tre “forme giuridiche” di esercizio:

  • le “Persone fisiche” (PF), quindi l’insieme dei professionisti inquadrati fiscalmente nel lavoro autonomo, che pagano l’Irpef;
  • le “Società di persone” (SP), forma che comprende al suo interno sia gli studi associati, inquadrati fiscalmente come lavoro autonomo, sia le s.a.s e le s.n.c., “commerciali” e “tra professionisti” inquadrate fiscalmente come imprese, i cui associati e i cui soci pagano l’Irpef “per trasparenza”;
  • infine le società di capitali (SC), in grandissima parte s.r.l., “commerciali” e “tra professionisti”.

Altre note ed “avvertenze” per l’interpretazione di questi dati, li si può leggere qui.

 

Vediamo intanto i numeri assoluti:

FATTURATO_ASSOLUTO

 

Gli stessi identici dati annuali, in forma di grafico “a colonne”:

FATTURATO_ASSOLUTO GRAFICO

 

Infine, presento i dati sempre in forma tabellare, però ricalcolati in percentuale del totale annuale, cosa a mio avviso più significativa della precedente per quanto riguarda le possibili interpretazioni (si noti la “tenuta stagna” della forma SP, cioè, come già scritto, gli studi associati, e il “travaso” di fatturato dai dentisti PF alle SC, cosa che si potrebbe interpretare affermando che il fatturato perso nel tempo dalle PF è andato in mano a non dentisti):

FATTURATO PERCENT

* dottore commercialista, consulente e formatore per la gestione dell’odontoiatria. Contatti a 0498962688

 

Incassi dei dentisti: fatturare subito o il mese dopo?

Dal primo gennaio 2013 il nuovo art. 21 del DPR 633 (IVA), consente la c.d. “fattura differita” anche per le prestazioni di servizi. Si può quindi, qualora in un mese solare si eseguano più prestazioni allo stesso paziente (e solo se siano più di una), in deroga alla regola generale che impone l’emissione della fattura al “momento di esecuzione della prestazione”, che in genere corrisponde all’incasso, emettere fattura riepilogativa entro il giorno 15 del mese successivo, purchè le prestazioni del mese siano “idoneamente documentate” e riepilogate in fattura. Mi domando se questa possibilità possa essere utile per i dentisti, di primo acchito direi di no, anzi mi sembra potenzialmente foriera di maggior lavoro amministrativo. Magari mi sbaglio. Vero che potrebbe fare risparmiare qualche marca da bollo.

IVA e Dentisti, cosa hanno a che fare?

Allego l’immagine dell’attestato di partecipazione a un importante percorso formativo avanzato sull’IVA, che ho appena concluso. Come è noto, le prestazioni mediche e odontoiatriche sono esenti dall’IVA, cosa che rende indetraibile l’IVA che i dentisti pagano sui loro acquisti di beni e servizi. Nonostante questa apparente “lontananza” da questa imposta, il dentista ne ha a che fare costantemente: tutte le regole di fatturazione, o di non fatturazione nel caso delle numerose prestazioni gratuite, si trovano nelle norme IVA; la diffusione di acquisti diretti presso fornitori comunitari e non, via Internet o con altri modi, di materiali e dispositivi medici mette al primo posto le norme IVA per quanto riguarda la corretta fatturazione di queste operazioni. Insomma la “regina” europea delle imposte è ben lungi dall’essere fuori dalla quotidiana gestione della professione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: