Attenzione alla contabilità di banca!

L’Agenzia delle Entrate ci fa sapere di una sentenza della Cassazione del 27/6/2011, che stabilisce definitivamente (o fino ad altra sentenza di segno opposto) che nelle indagini bancarie fatte per accertare l’evasione, sistema sempre più usato dall’Agenzia, anche per i professionisti quando si trovino nei conti correnti usati per la professione dei movimenti non giustificati, scatta la presunzione che questi rispecchino reddito evaso e quindi accertabile.

L’articolo allegato è abbastanza leggibile, anche se un po’ “tecnico ” come spesso accade alle comunicazioni rivolte al grande pubblico di ADE. In sostanza, per mettersi al sicuro da sorprese servono strumenti di contabilità interna capaci di rendere perfettamente “tracciabili” entrate e sopratutto uscite, inclusi i “passaggi” fra la cassa e i conti bancari e viceversa, quali quelli proposti nel mio corso pratico di management.

Movimenti bancari non giustificati Redditi, anche per i professionisti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: