Dottore, posso pagarla in contanti? Si, ma…

Sul forum “Odontoiatria fiscale” nel portale dedicato agli Odontoiatri italiani “Odontoline.it”, del quale sono moderatore, è stato a più riprese discusso il tema della limitazione all’uso dei contanti, in ordine alla gestione degli incassi delle parcelle con questo mezzo di pagamento. La discussione, come si vedrà, si estende anche alla gestione degli incassi delle parcelle con assegni, vaglia postali e consegna di “libretti” al portatore.
Nelle discussioni si sono evidenziate incertezze sui comportamenti da tenere, da un lato per le frequenti variazioni della normativa in relazione all’importo massimo incassabile per contanti (corrispondente a quello oltre il quale assegni e vaglia devono obbligatoriamente recare la clausola “non trasferibile” e al saldo massimo consentito dei “libretti”), e da un altro lato per le difficoltà interpretative della normativa relativamente all’incasso di più acconti riferibili al medesimo piano di cure. Inoltre, è emersa la la questione dei profili sanzionatori in caso di inosservanza della prescrizione di Legge. Ho quindi creato questo documento per cercare di offrire indicazioni sulla materia. L’ho scritto in forma di domande e risposte, come già ho provveduto a fare per l’argomento della marca da bollo sulle ricevute.

Vedi l’articolo su Odontoline.it

Siamo pronti a un sistema moderno di tassazione?

Vale la pena di sopportare quasi 20 secondi di pubblicità per (ri)vedere questo ben fatto e dettagliato servizio che ci fa capire come funziona un sistema fiscale moderno: redditometro, indagini finanziarie senza veli, richiesta esplicita delle imposte con prelievo diretto sul conto corrente, totale trasparenza, niente contanti. Questo è il “dove” il sistema italiano sta andando, ma gli italiani sono pronti?

Video Rai.TV – Ballarò 2011 -2012 – Il caso Francia (22/11/2011).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: